Come trovare lavoro a 50 anni? Consigli per le donne in cerca di occupazione

0
228
come trovare lavoro a 50 anni

Come trovare lavoro a 50 anni? Una domanda che si pongono oggi, indistintamente, uomini e donne. Il mondo lavorativo post-Covid è stato stravolto e, per le motivazioni più disparate, bisogna rimettersi a caccia di un lavoro a 50 anni. Può capitare poiché magari il partner ha perso il lavoro o semplicemente perché, alla luce degli esorbitanti rincari dei prezzi, un solo stipendio non basta più per mandare avanti la famiglia.

In altri casi si tratta semplicemente di una sfida personale, la voglia di rimettersi in gioco a 50 anni, quando magari i figli sono adulti e indipendenti e quindi c’è più tempo da dedicare a se stesse.

In questo articolo ci concentriamo sui lavori che una donna può fare a 50 anni e da dove iniziare la ricerca.

Come trovare lavoro a 50 anni? Cambia prospettiva

Prima di iniziare a cercare un lavoro, devi cambiare prospettiva. L’idea che trovare lavoro a 50 anni per una donna sia difficilissimo è radicata e diffusa, ma se si tratta solo di un pregiudizio?

La prima cosa da fare è quindi cambiare prospettiva e uscire da quel loop di pensieri negativi secondo i quali alla tua età non troverai mai un lavoro. Secondo la legge dell’attrazione se pensi positivo sarai in grado di attirare positività; in caso negativo attirerai solo negativa.

Spezza questi pregiudizi e piuttosto che pensare a cosa non puoi fare, concentrati su quello che puoi fare. Può sembrare una frase fatta, ma dalla tua hai l’esperienza e la maturità che le ragazze più giovani di 20 o 30 anni sicuramente non hanno. Non esistono lavori per 50enni disoccupate, esistono lavori e basta.

Cerca subito lavoro

Perdere lavoro a 50 anni purtroppo è un’evenienza tutt’altro che remota, soprattutto dopo il terremoto del Covid. Può capitare che la propria azienda fallisca o che sia costretta a ridurre il personale. Se ciò dovesse capitare, la cosa importante è mettersi subito in cerca senza demoralizzarsi.

Molte persone commettono l’errore di rimuginare sul licenziamento, chiedendosi se hanno sbagliato qualcosa o se si poteva evitare. Inutile porsi queste domande, ciò che è fatto è fatto. Piuttosto non bisogna perdere tempo e mettersi subito in cerca.

Anzi, se avverti già il sentore che il tuo capo possa licenziarti da un momento all’altro, mettiti subito in cerca così da avere un paracadute sulle spalle. Trovando subito lavoro puoi anche evitare quei fastidiosi buchi temporali sul tuo curriculum.

Il curriculum

A proposito di curriculum, continua ad essere uno strumento importante ancora oggi, benché vada utilizzato in modo diverso. Il curriculum vecchio stampo, con tutte le esperienze lavorative e le competenze inserite in un elenco, non funziona più.

Il selezionatore spesso si ritrova a leggere decine di curriculum, ai quali dedica forse 10 o 20 secondi. Se risulta “noioso”, con ogni probabilità non prenderà in considerazione la tua domanda.

Come rendere più brioso e frizzante il CV? Evidenziando le tue abilità, in particolare quella che ti rende unica agli occhi del selezionatore. Probabilmente dovrai aggiornare e adattare di volta in volta il curriculum in base alla posizione per la quale ti candidi. Focalizzati sulle competenze che si allineano con le esigenze dell’azienda, così avrai più possibilità di essere assunta.

Può sembrare paradossale, ma in alcuni casi potresti essere fin troppo qualificata per la posizione da ricoprire. In questi casi devi “sminuire” la tua esperienza ed eliminare quelle abilità che ti qualificano eccessivamente. L’importante è essere assunta, magari un domani quelle stesse qualità all’interno dell’azienda possono risultare utili per fare carriera o ricoprire posizioni più qualificate.

I social network

I social network oggi sono il passepartout per tutto, anche per trovare lavoro. Domanda e offerta di lavoro si incontrano sui principali social network, anche se quello più completo è sicuramente LinkedIn, nato proprio per mettere in contatto professionisti e lavoratori. Il primo step è creare il proprio profilo, che deve essere molto dettagliato così come il CV.

Facebook è nato ed è ancora oggi un social per divertirsi e condividere foto e post della vita privata, ma può essere un ottimo trampolino di lancio per trovare lavoro.

Su Facebook ci sono infatti numerosi gruppi dove interagiscono persone che offrono e cercano lavoro. Iscriviti ai gruppi e alle pagine che corrispondono alle tue qualifiche professionali e candidati alle proposte che maggiormente ti interessano.

Aggiornati con la tecnologia

Le over 50, rispetto ai nativi digitali, partono leggermente svantaggiate poiché non hanno la loro stessa dimestichezza con la tecnologia. Questo però non significa che non si possa imparare, anche a 50 anni.

Ti consiglio di seguire costantemente corsi di formazione, video e webinar per poi spendere le competenze acquisite durante i colloqui di lavoro. Sottolinea la tua volontà ad aggiornati continuamente, dimostrando così la tua propensione a migliorarti.

Naturalmente non devi mentire su competenze che non hai, sia perché le tue lacune usciranno fuori prima o poi sia perché non deporrebbe certo a tuo favore quando l’azienda lo scoprirà.

Buona fortuna per la tua ricerca, alla quale devi aggiungere tanta positività, abnegazione e fiducia nei tuoi mezzi.

Foto: Pixabay

Articolo precedenteQuanto costa andare a vivere da sole?
Articolo successivoCos’è il Kakebo, il metodo di risparmio giapponese
Pina Tamburrino
Presidentessa Osservatorio Mondo Retail - MagicStore

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui