Cos’è il baby shower e come organizzarlo

Sai cos’è il baby shower? É una festa organizzata in onore della futura mamma per sommergerla di regali, ma in generale per passare delle ore spensierate in allegria poco prima del lieto evento. É infatti un’occasione per la futura mamma di concedersi una serata tutta per lei che, tra visite e controlli, sicuramente vive un periodo particolarmente stressante.

L’evento può essere organizzato sia che si tratti del primo figlio o meno. In genere partecipano tutte le amiche e le parenti della mamma, ma possono essere coinvolti anche il futuro papà ed altri amici della coppia. Amiche, amici e parenti si riuniscono per passare una serata all’insegna dell’allegria e della spensieratezza, distribuendo consigli preziosi e rassicurando con le proprie esperienze la futura mamma, soprattutto se è alla prima gravidanza.

Cos’è il baby shower e cosa significa?

Il baby shower è una pratica che si è diffusa negli Stati Uniti, soprattutto tra le vip che inondano le loro bacheche con le foto di feste scatenate. Successivamente è approdato in Australia fino ai paesi europei, Italia compresa.

Il termine deriva da due parole: baby e shower. Baby è naturalmente rivolto al bambino che sta per nascere, mentre shower significa doccia. Può essere interpretato come doccia di regali per il nascituro o doccia d’affetto per la mamma.

Generalmente viene organizzato tra il settimo e l’ottavo mese, cioè quando la donna ha superato la fase più critica della gravidanza. Questo periodo inoltre coincide anche con il congedo di maternità per la donna, che quindi ha staccato completamente dal lavoro e può concentrarsi unicamente sulla piccola creatura che sta per mettere al mondo.

In effetti, al di là dell’aspetto pratico e consumistico rappresentato dai regali, il baby shower è un momento in cui le future mamme possono contare sul sostegno emotivo e psicologico di amiche e parenti, creando così una positiva sinergia tutta in rosa.

Il baby shower può essere anche l’occasione per annunciare il sesso del nascituro, se i genitori hanno deciso di tenerlo nascosto fino a quel momento.

Gli step per organizzare un baby shower

A questo punto passiamo all’aspetto più pratico della questione: come organizzare un baby shower? La prima cosa da fare è stilare un elenco degli invitati. Gli inviti possono essere spediti in vari modi. Si può spedire per posta cartacea, soluzione che appare un po’ obsoleta, oppure per email, altra soluzione che non convince appieno poiché risulta piuttosto fredda.

La soluzione migliore? Creare eventi specifici sui social network per invitare chiunque abbia piacere a partecipare. In alternativa c’è la classica telefonata o il sempre più gettonato Whatsapp. Per chi non ha molto tempo è sufficiente creare un gruppo Whatsapp, invitando solo le persone gradite.

Qualunque sia la tipologia di invito, bisogna comunque fornire tutte le indicazioni necessarie per raggiungere la festa: luogo, orario e data dell’evento. Utile anche fornire informazioni sul tema scelto per la festa.

Cosa regalare?

Un approfondimento a parte va fatto sulla tipologia di regali da fare. Spesso non si ha idea di cosa può davvero servire ad una futura mamma, oppure si teme di regalare qualcosa che già possiede o che è stato già donato da qualche altro invitato.

Per evitare questi problemi la neomamma potrebbe aprire una lista regali, proprio come si fa per la lista nozze, così gli invitati possono acquistare il dono che preferiscono senza il rischio di doppioni.

Generalmente vengono selezionati oggetti utili per i primi mesi di vita del piccolo come scarpine, calzini, body o bavaglini. Chi ha un rapporto più stretto con la mamma può optare per regali più impegnativi, come seggioloni, culle o corredini.

Molto apprezzati anche i giochi per i bambini, come palestrine, tappetini ed archi gioco da collocare sotto il passeggino o la culla.

Come allestire un baby shower?

Per quanto riguarda l’organizzazione del baby shower le future mamme hanno massima libertà. Quindi fantasia a briglie sciolte, anche se un minimo di organizzazione ci vuole.

Naturalmente è necessario allestire un buffet per accogliere gli ospiti nel migliore dei modi. Se la neomamma se la sente può organizzare tutto in totale autonomia, altrimenti può affidarsi ad un servizio di catering.

Naturalmente vanno scelti colori vivi e accesi, in grado di donare brio e vivacità alla festa. L’accoppiata giallo-verde è un successo assicurato, ma anche la coppia rosa-blu può essere un’idea, creando un alone di mistero sul sesso del nascituro.

Cupcake, biscotti e caramelle colorate saranno i dolci allestimenti e decorazioni della casa. Un’idea molto simpatica è quella di preparare una torta di pannolini decorativa.

Vale la pena pensare ad una serie di giochi capaci di coinvolgere tutti i partecipanti in modo divertente. Gli stessi ospiti possono pensare a dei giochi, come la caccia al tesoro o il gioco dei mimi, per lanciare suggerimenti alla futura mamma e permetterle di scovare il regalo nascosto in qualche anfratto della casa.

Ora sai cos’è il baby shower, hai tratto qualche spunto utile che può interessarti per la tua festa?

Fonte foto: Pixabay

CONDIVIDI
Presidentessa Osservatorio Mondo Retail - MagicStore