Cos’è la talent attraction e come sfruttarla per rendere la tua azienda più attraente agli occhi dei talenti

0
304
Cos'è la talent attraction

Se vuoi creare un’azienda moderna e vincente devi chiederti cos’è la talent attraction, cioè la capacità di attirare i migliori talenti del tuo settore di riferimento. Questa necessità può palesarsi quando devi riempire dei posti vacanti, ma in generale la talent attraction conferisce prestigio e valore ad ogni azienda.

Oggi il mercato è sempre più saturo e la concorrenza è altissima. Sgomitare e farsi largo tra i competitor per conquistare nuovi clienti è sempre più difficile e un buon rapporto qualità/prezzo oppure un ottimo servizio di assistenza potrebbero non essere sufficienti per imporsi sul mercato.

Bisogna offrire un valore in più e quel valore in più può essere rappresentato proprio dai migliori talenti del settore che con le loro idee e le loro competenze danno una marcia in più alla tua attività.

Cos’è la talent attraction: un concetto facile da fraintendere

Prima di capire quali strategie adottare per una valida talent attraction, bisogna prima comprendere bene cos’è. Si tratta di un concetto facile da fraintendere, quindi chiariamo innanzitutto cosa non è.

La talent attraction non è il recruiting, che invece è quel processo di selezione del personale che prevede prima dei colloqui conoscitivi, poi una fase di scrematura e infine un ultimo colloquio con i candidati che sono sembrati più meritevoli di essere assunti.

La talent attraction inoltre non è la talent acquisition, che non prevede esclusivamente la ricerca di talenti, ma anche la costruzione di connessioni e di relazioni con professionisti, le cui prestazioni non necessariamente sono richieste nell’immediato ma che potrebbero risultare utili sul medio-lungo periodo.

Strategie da adottare

Come si fa la talent attraction? Come mettere in pratica una strategia efficace? Per prima cosa l’azienda deve avere un’ottima web reputation. Un potenziale talento, prima di accettare la proposta di un brand, legge le recensioni sui social dei clienti, ma spesso anche degli stessi dipendenti.

Potrebbe essere una buona idea chiedere ai tuoi collaboratori di rilasciare sulle pagine social le loro esperienze di lavoro, sfruttando così la riprova sociale che ha un notevole effetto a livello di impatto emotivo.

La talent attraction si costruisce tramite un’efficace politica di welfare aziendale che permette ai dipendenti di trovare un equilibrio ideale tra vita privata e vita lavorativa. Una grande importanza la ricoprono i benefit offerti dalle aziende.

Quando si parla di benefit non si fa riferimento solo ai “classici” buoni pasto o buoni benzina, ma anche ad altri benefici che si configurano nello smart working, negli asili nido o nelle palestre aziendali messe a disposizione dei lavoratori.

La talent attraction si pone quindi l’obiettivo di attirare i talenti che vengono così spinti a candidarsi per la tua azienda. La fase successiva è quella della talent acquisition, di cui abbiamo parlato poco fa.

Magari non hai la necessità di assumere immediatamente nuovi dipendenti, ma è consigliabile mantenere i contatti con i talenti del settore per poi eventualmente assumerli in un secondo momento se dovesse aprirsi una posizione vacante.

La tua azienda diventa così un punto di arrivo e di riferimento per giovani talenti che vogliono spendere le loro abilità e competenze nel modo migliore e sentirsi parte di un gruppo vincente e ambizioso.

Perché la talent attraction è importante per le aziende

Tutte le aziende che vogliono imporsi sul mercato con un approccio moderno e innovativo, devono capire cos’è la talent attraction, così da poterla padroneggiare nel migliore dei modi. Essere attenti alle esigenze dei propri dipendenti fornisce un valore aggiunto alla tua attività, tuttavia non è solo una questione di immagine ma anche strategica.

Con questo approccio infatti migliori la comunicazione tra i vari team aziendali, poiché devi rivolgere attenzione non solo ai clienti, ma anche ai dipendenti che hai in organico. In questo modo proietti all’esterno l’immagine di un’azienda forte, solida e ben strutturata agli occhi dei talenti, dei fornitori e anche degli stessi clienti.

Affrontare temi moderni come il welfare aziendale, lo smart working, la formazione, gli incentivi, i benefit e i percorsi di crescita personale ti consente di aumentare l’appeal della tua azienda, sempre più proiettata verso il futuro e attraente per i giovani talenti che hanno ambizioni e aspettative personali e lavorative molto elevate.

Prima di chiederti cosa possono fare i tuoi dipendenti per te, chiediti invece cosa può fare per loro la tua azienda. C’è poi da sottolineare un altro aspetto più cinicamente strategico. Mettere sotto contratto i migliori talenti del settore apporta due importanti vantaggi.

Naturalmente per prima cosa i migliori talenti lavorano e mettono le loro competenze e abilità a disposizione della tua azienda, che acquisisce quindi un vantaggio competitivo sul mercato. E già questo non è assolutamente poco in un mercato sempre più livellato e competitivo dove emergere e distinguersi è complicato.

Inoltre sottrai talenti ai tuoi competitor che da un punto di vista creativo e professionale sono più “poveri”. Magari non è un ragionamento molto gradevole da un punto di vista etico, ma è comunque lecito in un mercato sempre più cinico e spietato dove secondo la legge darwiniana sopravvive il più forte.

Foto: Pixabay

Articolo precedenteCos’è la sindrome da burnout e come contrastarla
Articolo successivoMigliori camicie per donne manager che vogliono trasmettere la loro personalità
Pina Tamburrino
Presidentessa Osservatorio Mondo Retail - MagicStore

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui