7 regole di bon ton per affrontare il primo giorno di lavoro

Finalmente è arrivato il momento tanto atteso. Dopo i tanti colloqui fatti è arrivata la chiamata per iniziare con il primo giorno di lavoro. Nonostante l’entusiasmo e la gioia, questo momento crea sempre un po’ di ansia giustificata dal pensiero di voler fare subito una buona impressione per mantenere il posto tanto ambito. Il primo giorno di lavoro è fondamentale per creare fin da subito la giusta atmosfera con colleghi e responsabili.

Cominciare con il piede giusto può sembrare difficile ma in realtà non lo è se si conoscono alcuni piccoli segreti che abbiamo racchiuso in 7 consigli che ti aiuteranno a vivere questo momento in modo più rilassato e positivo possibile.

LEGGI ANCHE: Quale look per un colloquio da lavoro?

Abbigliamento adeguato

L’aspetto è sicuramente la prima cosa che viene vista e giudicata da coloro che incontriamo soprattutto sul lavoro. Per questo è di fondamentale importanza avere un dress code appropriato in azienda qualunque sia il tipo di lavoro svolto. In modo particolare è necessario curare il proprio aspetto e abbigliamento quando ci si presenta per il primo giorno di lavoro.

Se si lavora in ufficio si terrà un certo tipo di abbigliamento, elegante ma sobrio, privo di eccessi e di fantasie che risulterebbero fuori luogo. Un completo in tinta unita o in gessato nei colori classici come il blu, il nero o il grigio risulterà una scelta di sicuro successo.

Un tailleur con pantaloni o gonna non troppo corta né troppo stretta sarà perfetto per la donna d’affari, mentre un completo nelle stesse tinte risulta adeguato ad un businessman, un dirigente o un impiegato.

Puntualità

Arrivare sul posto di lavoro in ritardo è sempre un segno di mancanza di rispetto e serietà. Se questo comportamento lo si tiene il primo giorno di lavoro si rischia di essere rimandati a casa prima di varcare la soglia.

Quindi, ci si deve assolutamente organizzare con largo anticipo per essere puntuali anche preparando documenti se necessari, e abbigliamento il giorno prima. Se l’appuntamento è al mattino, puntare la sveglia 2 o 3 ore prima calcolando i tempi per la doccia, per una colazione fatta in modo tranquillo per non farla restare sullo stomaco, il tempo di rilassarsi prima di uscire e ripassare le informazioni necessarie.

Inoltre si deve calcolare il percorso da seguire per arrivare presso l’azienda e anche gli eventuali inconvenienti che si presentano puntualmente quando si ha particolarmente fretta per un importante appuntamento.

Attenzione e decisione

Il primo giorno di lavoro è dedicato alle presentazioni dei colleghi e dell’azienda, il responsabile mostrerà ogni luogo e persona indicandone le funzioni. Sarà difficile ricordare tutto subito ma è comunque fondamentale mostrare interesse e attenzione verso ciò che il capo sta dicendo.

In seguito si avrà modo di richiedere i nomi dei collaboratori e ricordare gli uffici e le varie regole aziendali. Si dovrebbe comunque cerca di memorizzare almeno i nomi delle persone con cui si dovrà lavorare a stretto contatto. La stretta di mano deve essere vigorosa senza stritolare ma assolutamente mai moscia.

Prendere appunti

Avere sempre con sé un block notes e una penna è sempre utile in caso si debba prendere appunti su procedimenti o informazioni che serviranno in seguito. In questo modo non si disturberà il capo facendosi ripetere le stesse cose più volte.

Ascoltare sempre con attenzione e annotare i nomi delle persone o delle aziende con cui ci si dovrà relazionare, le procedure di sistema per inserire dati o effettuare altre pratiche gestionali e amministrative. Nessuna vergogna nel prendere appunti, anzi è una pratica apprezzata e rivela interesse verso il lavoro.

Fare domande

Durante le spiegazioni iniziali non si deve interrompere l’interlocutore in continuazione con domande ma è importante annotare o ricordare le cose che si voglio no chiedere alla fine del discorso.

Se invece il responsabile specifica di chiedere pure durante il tour aziendale allora si può interrompere chiedendo chiarimenti ma sempre senza esagerare per non innervosire l’interlocutore. Fare domande è segno di interesse e attenzione verso quello che si sta dicendo quindi vengono apprezzate.

Essere propositivi

Il primo giorno di lavoro in particolare, ma anche in seguito, si deve essere propositivi, questa è una caratteristica fondamentale da coltivare durante tutta la propria carriera. Proporre sistemi per ottimizzare un tipo di processo produttivo o un sistema di comunicazione per velocizzare il flusso di lavoro, ad esempio, è un modo per evidenziare le proprie attitudini e conoscenze.

Questa però è un’arma da utilizzare con parsimonia in quanto potrebbe essere letta come un modo per voler primeggiare, l’ultimo arrivato che vuole saperne più degli altri. Bisogna valutare bene le persone e la situazione per comprendere se è il caso altrimenti attendere una specifica richiesta per esprimersi.

Essere cortesi

Visto che si è appena arrivati in un ambiente nuovo e con colleghi mai visti prima, è ovvio che essere scorbutici non aiuti a creare la giusta atmosfera di collaborazione. Cortesia, gentilezza ed educazione quindi, sono un ottimo biglietto da visita per avere un’accoglienza positiva ed un eventuale aiuto da parte del capo e dei colleghi.

Mai sforzarsi di fare battute esilaranti per cercare di sembrare simpatici meglio prima conoscere le varie personalità e caratteri per non rischiare gaffe. La sobrietà è sempre la carta vincente anche nelle conversazioni.

CONDIVIDI